top of page
  • Immagine del redattorealessandro felis

Cantina, Merenderia e Cappella dell'Ascensione

Aggiornamento: 22 ott 2023

Da almeno due anni dovevo venire in questa cantina ma, come capita spesso, vi era sempre qualche intoppo. Finalmente, due settimane fa riesco a onorare l’invito pervenuto tramite una coppia di amici. Intanto, diciamo subito che ho scritto cantina ma il termine è riduttivo perché la bella struttura che sorge nel cuore della borgata Gorzano di San Damiano offre anche un locale per la ristorazione dal nome piacevolissimo: la Merenderia, neologismo preso dal Toscano per indicare un locale sbarazzino dove consumate pasti leggeri.


E parlando di nomi, anche quello dell’azienda non scherza, di sicuro incuriosisce. Ci riporta nel tempo a Carlin, figlio del bisnonno Paolo, fondatore dell’azienda. Il legame con la famiglia è il filo conduttore della serata. Siamo accolti da Davide Ponte, uno dei quattro fratelli che lavora in azienda. C’è anche una sorella, impegnata in un’altra attività. Nel corso della serata conosceremo anche Paolo e Lorenzo che gestisce la cucina. Sono la quarta generazione che onora l’avo Carlin anche con la sagoma disegnata sulle etichette a imperituro ricordo del suo amore per questa terra.


Prima della visita alla cantina, un giro nei vigneti permette di scoprire i fascinosi filari dominati dalla Cappella dell’Ascensione, uno dei piloni votivi della proprietà che invocavano e ricordano la protezione divina sull’attività agricola. E Bricco della Cappelletta è una selezione, quasi un marchio a sé, dalle uve coltivate in posizione privilegiata, il cru dei Francesi, che danno 4 vini, massima espressione di queste terre, da Arneis, Barbera, Croatina e Nebbiolo.


Circa 50 ha, una gamma di vini articolata con l’uva Barbera a farla da padrone. Le denominazioni spaziano dalle Terre Alfieri al Cisterna e colpiscono per pulizia e franchezza. La proposta gastronomica, lungi dall’essere semplice come una merenda convince con le proposte che integrano materie prime ineccepibili, territorio e un pizzico di fantasia che ravviva il tutto. Il menu è proposto a 35 euro e con 12/15 euro in più si può godere di un abbinamento vini inusuale e all’altezza della situazione.


Un posto dove tornare, sicuramente, per cogliere le tante sfumature di una famiglia legata alla sua storia, alle tradizioni e al legame con le proprie origini ma che ha saputo da queste solide basi guardare al futuro per un presente di grandi soddisfazioni.



CarlindePaolo

Frazione Gorzano, 238 - San Damiano d’Asti (At)

Tel: +39. 0141.98383




55 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page