top of page
  • Immagine del redattorealessandro felis

Famiglia Morra, perle dal Roero

La storia della famiglia Morra è simile a quella di tante altre realtà contadine, in questa terra di Roero dove le colline sfumano verso la pianura e la vite, oggi, è il denominatore comune. L’azienda agricola nasce polivalente con l’avo Stefano, negli anni Venti del Novecento, che, come da copione e tradizione, coltiva e alleva; cereali anzitutto ma anche frutta, le pesche sono di casa, e col tempo punta sempre più sulla viticoltura, che in cuor suo è passione. Antonio, figlio di Stefano, nel Dopoguerra aumenta ulteriormente la superficie a vigneto e inizia la produzione dei primi vini sfusi, venduti in damigiana per poi compiere il passo successivo con il figlio Stefanino che inizia a imbottigliare parte della produzione. Quest’ultimo, oltre alla moglie Edda e al cognato Gianni è ora affiancato dai giovani Luca ed Erica, quarta generazione, ormai viticoltori a tempo pieno.

 

Ed è proprio Luca che, il 7 dicembre, nel corso di una serata torinese ai Tre Galli ci accompagna alla scoperta della cantina di famiglia e delle sue etichette più rappresentative. Diplomato all’Enologica di Alba, il trentenne rampollo di casa Morra, illustra con passione e competenza l’attività aziendale, oggi forte di 15 ettari. La consulenza dell’enologo Gianfranco Cordero, di per sé una garanzia, si ritrova sin dai primi assaggi che rivelano pulizia, eleganza e forte identità territoriale. I nettari che si possono avvalere della menzione Castellinaldo, sottozona del Barbera d’Alba, hanno una forte valenza con tipicità che si estrinseca nella pienezza e la complessità fenolica che mascherano l’acidità, marchio di fabbrica dell’uva simbolo del Piemonte. Tre millesimi caratterizzano la degustazione che verte su una piccola verticale: 2021, 2016 e 2011. L’annata più giovane propone già una bella beva che addirittura nei 2016 e 2011 evidenzia ancora una spavalda freschezza, vero e proprio invito alla conservazione delle bottiglie.

 

Interessanti anche il Roero Arneis, il Roero e il Piemonte Brachetto. Il Nebbiolo è per questa terra l’uva a bacca nera prediletta così come lo è la Favorita tra le uve bianche. Devo essere sincero, le Barbera degustate sotto il cappello della sottozona Castellinaldo mi hanno colpito e convincere un Nebbiolista non è cosa semplice.

 

Ci si lascia, dopo il piacevole convivio, con la promessa di andare, quanto prima, a fare visita ai Morra in azienda, sarà l’occasione per provare anche la Favorita e non solo e tuffarsi in una zona che ha le carte in regola per conquistarsi un posto di rilievo nel panorama produttivo regionale.




57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page