• alessandro felis

Champagne en liberté!

Aggiornato il: lug 10

Ho sempre fatta mia la dichiarazione attribuita a Bismarck: “il mio nazionalismo si ferma davanti allo Champagne”. Più che un vino, una filosofia di vita – o di vite – un mondo incantato che i francesi, maestri in materia, hanno saputo proporre, divulgare e serbare rigorosamente in un ambiente che loro stesso definirebbero franco - français.


Ma la storia si ripete e quella del “vin du diable” com’era definito nel 700, per via delle bottiglie che scoppiavano facilmente, si ripete. Nel XIX secolo, molti tedeschi, attratti dalla prosperità e dalla fama della grande regione vinicola si installano in Champagne e basta pensare ai nomi di molte grandes maisons per verificare che quellii con assonanze teutoniche sono molto diffusi tuttora. E adesso Alberto Massucco porta l’Italia, il Piemonte a insediarsi nel mondo della spumantizzazione d’élite.


Imprenditore nel settore della metalmeccanica, appassionato di sfide, viticoltore poi importatore e ora produttore di Champagne: un mondo dove la passione, le capacità imprenditoriali e gli incontri con le persone giuste creano bellezza e realizzazione di sogni, a portata di … etichetta, anche quella che è sinonimo di bon ton e stile.


Un patchwork champenois che inizia con l’importazione di realtà accomunate da forte identità e creatività: Rochet-Bocart, Trousset-Guillemart e Gallois-Bouché, lungimiranti récoltants manipulants. E poi il progetto tutto femminile: Fa’Bulleuses che gioca con le bolle e le favolose sette jeunes filles che si sono riunite per raccontare le loro caves, le loro vite, il loro mondo.


Infine il passaggio successivo, l’incontro con Erick De Sousa e la produzione del Millesimato Alberto Massucco Champagne Grand Cru, 100% Chardonnay, con le prime due vendemmie 2018 e 2019 e la Cuvée Mirede, un omaggio a chi, per anni, l’ha accompagnato e incoraggiato a vivere i propri sogni. E, sicuramente, non finisce qui.


Tutto questo, e altro ancora, ci è stato raccontato da Alberto in persona affiancato da Cinzia Zanellato con la regia impeccabile di Laura Gobbi nella séduisante cornice di Villa Sassi a Torino, in una stupenda serata d’estate.


Champagne en liberté? Santé anzi cincin ai prossimi successi di un piemontese che, ora, marca dell’eleganza sabauda anche le vigne transalpine!






63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti