top of page
  • Immagine del redattorealessandro felis

Barolo en primeur 2023

Dopo aver raccolto quasi un milione e mezzo di euro nelle prime due edizioni a favore di 37 progetti e iniziative benefiche, Barolo en primeur torna il 27 ottobre al Castello di Grinzane Cavour per una nuova edizione della grande asta solidale promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e da Fondazione CRC Donare ETS in collaborazione con il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani.


L’obiettivo è di finanziare attività sociali tramite l’asta solidale delle barrique di Barolo Vigna Gustava, già appartenuta e vinificata dal Conte Camillo Benso e oggi di proprietà della Fondazione CRC, e i lotti comunali di Barolo e Barbaresco, due dei vini italiani più iconici e sempre più apprezzati in tutto il mondo.


La grande gara di beneficenza promossa da “Barolo en Primeur” quest’anno arriva anche a Londra. La nuova edizione dell’evento coinvolge tre continenti e si preannuncia ricca di novità. A partire da Barolo en primeur exclusive tasting che dal 20 ottobre aprirà le porte di 25 cantine delle Langhe per degustare direttamente dalla botte l’annata 2022 di Barolo e Barbaresco , che il 27 ottobre sarà battuta nell’asta solidale presso il Castello di Grinzane Cavour. Sono 1.336 i vari formati donati dai produttori per un totale di più di 1.300 litri che insieme alle 12 barrique di Barolo Vigna Gustava a sostegno di progetti sociali, saranno arricchiti dall’etichetta d’artista della celebre pittrice Otobong Nkanga. Oltre a essere in live streaming con wine lovers e filantropi dalle sale di Christie’s di New York, quest’anno Barolo en primeur arriva anche in diretta da dalla sede di Christie’s di Londra, terzo polo dell’asta di ottobre, a cui si aggiungerà la diretta con Hong Kong durante l’Asta Mondiale del Tartufo Bianco Bianco di novembre.


La presentazione della terza edizione dell’asta alla stampa si è conclusa con un pranzo nella fascinosa sala ristorante del Castello di Grinzane Cavour. Nel sito che più di tutti gli altri è intriso della storia del Barolo, un menu dal forte accento piemontese è stato preparato da Alessandro Mecca e dal suo staff. Per me, un primo contatto, in questo luogo, con l’amico omonimo che tornerò a trovare presto. In pochissime settimane ha già preso le misure della nuova avventura ma sarà dopo un pranzo o una cena da privato cittadino che potrò esprimere un giudizio più approfondito. Per ora mi limiterei a scrivere che, nel passaggio da Torino a Grinzane, Mecca non sembra avere perso la mano. Non che avessi grossi dubbi ma, sicuramente, ha intrapreso un nuovo percorso nella culla dell’enogastronomia piemontese, anzi italiana e con la supervisione, sicuramente competente dell’Ordine dei Cavalieri e del Tartufo d’Alba che regnano nelle sale della dimora che fu di Camillo Benso. E, a segno del possesso dei luoghi, nelle domeniche di Capitoli della prestigiosa confraternita, svetta il bianco vessillo dai merletti della storica dimora.





27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page