• Alessandro Felis

Baracca


La storia di questo locale caro ai Biellesi veraci inizia al Bottalino, quartiere che prende il nome dalla celebre fontana a forma di botticella sulla strada che porta a Oropa. Una di quelle trattorie dove famiglie e operai mangiavano gomito a gomito e l’estate si godeva del refrigerio dei platani pranzando nel cortiletto. Le proposte erano semplici e la cucina non poteva essere che quella tradizionale delle campagne del nostro Piemonte. Era il trionfo dei carrelli di antipasti e di fumanti bolliti. Un tempo forse lontano ma che a Biella sembra essersi fermato per la fortuna degli amanti dei piatti genuini, delle ricette che più casalinghe non si può. Solo l’indirizzo è cambiato e dopo un breve periodo nella vicina via Torino, l’erede della locanda che sorgeva alle porte della città, è ospitata oggi in un palazzo dell’Ottocento non lontano dal centro. L’ambiente è sobrio, semplice, moderno ma nel contempo tradizionale. Paolo e Patrizia sono al timone e si affaccendano tra i tavoli che solo di rado rimangono liberi. Inutile cercare innovazione, creatività o contaminazioni di cucine etniche, qui si serve il territorio, quello Biellese che abbraccia la zona compresa tra il Monte Rosa e le risaie della Baraggia. Si inizia con salumi tipici, salame d'la Duja, lardo, moccetta, prosciuttino crudo locale e gli immancabili insalata russa, tomini, acciughe al verde e vitello tonnato. Tra i primi la panissa e il risotto in “cagnone” con tome locali filanti e burro rosolato, mantecato in sala, sono il marchio del locale. Impossibile non lasciarsi tentare dal bollito e le sue salse: bagnetti rosso e verde sopra tutte. Il piatto di formaggi è un inno agli alpeggi delle prealpi che sovrastano il capoluogo tessile e i dessert non potevano che essere bonet, torta di nocciole con zabaglione e panna cotta. Generosa cantina dove il corposo Gattinara, ma non solo, gioca in casa. Utile e apprezzabile la suddivisione della carta per tipologie di uve ma perché scrivere al plurale i nomi dei vini? Le Freise, le Barbere e altri Baroli… Lo sussurro per non stroncare i – spero tanti –amici che stanno leggendo, stasera ho optato per la bagna caoda: la proposta delle verdure non era variegatissima, complice anche la stagione ma il fojot conteneva una “salsa calda” comme il faut, olio, acciughe e aglio!

E i prezzi? Di una volta anch’essi.

Via S. Eusebio, 12

Biella

Tel: +39.015.21.941

www@baraccaristorante.it

#tradizione #Biella #riso #bollitomisto #cucinapiemontese #bagnacaoda #zabaglione #bonet #pannacotta #Oropa

30 visualizzazioni

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001.

  • White Facebook Icon
  • LinkedIn

Alessandro Felis

Partita Iva: 05644840018

 

 

©2016 by l'Uovodicolombo_Torino