• Alessandro Felis

Am pias tant!


Non nascondo che quando mi hanno invitato a trascorrere una serata da Am Pias molte cose si sono accavallate nella mia mente: non sapevo con esattezza che tipo di locale fosse. Il pensiero ricorrente – deformazione “facebookiana” di chi la tecnologia la usa, poco, e la subisce, molto – era che am pias, traduzione piemontese del mi piace o I like che dir si voglia, non fosse che un luogo dal cibo virtuale ove limitarsi a cliccare il proprio gradimento dalla tastiera di un pc o di uno smartphone. Ahimè, l’avventura avrebbe potuto prospettarsi triste, smaterializzata, asettica, tecnologica o meglio molto tecno e poco logica.


Vado sul sito: racconta di una gastronomia, locale da asporto, quindi di sostanza ma am pias rimane e il dubbio pure. Il 4 dicembre, data stabilita per la cena, si annuncia sotto i migliori auspici: posteggio, che temevo difficoltoso, a pochi metri dalla bottega e scorcio sull’appena inaugurata illuminazione blu della Mole. Ma quant’è bella Torino! Am pias propi Turin: alla faccia della globalizzazione e dell’inglese dilagante! Parcheggio e Mole di buon augurio, appena giunto all’angolo delle vie Mazzini e Fratelli Calandra, di fronte a dove sorgeva la storica Stua, i dubbi svaniscono. Microscopico, invitante, fascinoso locale che sarebbe più corretto definire una stanza con tavoli – pochissimi - e cucina.


Lucia e Mauro, compagni nella vita e ora nel lavoro, ci accolgono in amicizia, sorridenti e con quella riservatezza tutta sabauda che si compone di timidezza, rispetto, pudore e cortesia. Lucia rompe gli indugi e annuncia che loro si sentono franco-piemontesi: nel cuore, nell’anima e nel locale. Evviva, sono a casa! Quindi posso dire senza remore che l’atmosfera è bon enfant, à la bonne franquette. Non chiedetemi di tradurre: non fosse che per il suo passato, la nostra città deve essere bilingue. Siamo in famiglia, al rustico tavolo di una sala dove i piatti sono da asporto e sedersi un piccolo privilegio per pochi, pochissimi intimi. Una tavolozza di pastis artigianali e la Provenza esplode con i sui profumi: anice bien sûr e sottili, invadenti sentori di farigoule – timo come viene definito solo nella regione di Marsiglia -, cardamomo, dragoncello e tutte quelle erbe che sanno di maquis, la macchia mediterranea. Parrebbe di udire il frinire delle cicale, di sicuro si immaginano le interminabili partite di pétanque e tornano alla mente versi e frasi di Mistral e Pagnol. Am Pias, j’aime, I like, ma sì per una volta ci può stare anche l’inglese. Il lungo tagliere di salumi è targato Pralormo e due formaggi sardi, solo apparentemente fuori luogo, strizzano l’occhio al Regno di Sardegna, così come dicono i nostri ospiti, ormai diventati amici. La spiegazione non fa una grinza, e poi sono talmente buoni, un pecorino e un tre latti, che con i grissini stirati potrebbero abbinarsi all’infinito. Una padellata di gnocchi da encomio e si chiude, ancora, con la Francia, Questa volta la Provenza è lontana, si soccombe al cambio di rotta geografica con i canelé bordolesi e la squisita Tatin che dalla Sologne ha trovato un’ottima interpretazione locale. E poi ci sono i biscotti al cioccolato e sale, fateveli raccontare e assaggiateli. Consultate il menu affisso su carta paglia: ogni giorno una specialità. Bagna caoda e merende sinoire su prenotazione e al venerdì: alici fritte.


Ma la prossima volta, perché ci sarà sicuramente e presto, posso portarmi da casa la tasca col calice di vetro*? L’ottima Barbera d’ Asti di Alfiero Boffa ringrazierebbe e non potrei che dire “am pias tut”!

*una gastronomia non può purtroppo servire nei bicchieri di vetro

Am Pias

Laboratorio gastronomico aperto dal martedì al sabato 10.30 - 19.30

Via Mazzini, 48 angolo Via Calandra

Torino

Tel: +39.011.2763143

laboratorio@ampias.it

www.ampias.it

#Torino #gastronomia #merendasinoira #bagnacaoda #pastis #ampias

234 visualizzazioni

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001.

  • White Facebook Icon
  • LinkedIn

Alessandro Felis

Partita Iva: 05644840018

 

 

©2016 by l'Uovodicolombo_Torino