• Alessandro Felis

Baratti & Milano, la storia che seduce


Martedì 29 ottobre: è in carrozza che vorrei raggiungere la fascinosa Piazza Castello. Mentre davanti al Caval ‘d Brons il salotto torinese aspetta l’accensione delle Luci d’Artista, sotto i portici dove sorge lo storico caffè BARATTI & MILANO, si rivivono gli sfarzi d’antan.


Gli orologi appena tornati all’ora solare, spostano le lancette molto più indietro e si fissano sul 1911. Siamo in piena Belle Époque: boiseries, velluti e dorature risplendono e riportano ai fasti di un tempo che fu e che l’elegante locale ha serbato intatti, impregnati di storia cittadina e nazionale. Millenovecentoundici? Perché fu un anno di grandi innovazioni – prima del flagello della Prima Guerra Mondiale - che ospitò l’Esposizione Universale dell’Industria e del Lavoro. Richiamo al luogo che ci ospita, ricordiamo il macchinario per produrre la caramella storica Baratti & Milano, oggi ancora, realizzata con la stessa ricetta. Ben ventun gusti che hanno cullato la gioventù di chi non è più ragazzino e che sono rimasti nel cuore: mela Renetta, Ratafià, anice, fregola, ananas, menta … e la pera che quando ero giovane era la varietà Colmar.


Gli ospiti si dividono tra l’interno del sontuoso locale e la romantica Galleria Subalpina. Alcuni, in abiti d’epoca fanno sembrare fuori luogo noi vestiti “moderni”. Loro sono quelli adatti, contestualizzati all’evento. Cocktails, sempre apprezzato vermouth Carlo Alberto e inevitabile Champagne accompagnano il menu di un “diner à buffet” - proposto da Davide Sproviero e Fabio Poppa - che sposa alla perfezione ricette sabaude, francesi e creative.


Non vi è occasione migliore per presentare “BARATTI & MILANO. Una grande storia del gusto a Torino” di Manuela Viglione (Rizzoli Editore), uno spaccato della grande epopea della cioccolateria e della confetteria torinesi, una fetta fondamentale del nostro patrimonio artigianale, economico ma anche artistico e quindi culturale ed emotivo. Da leggere e gustare con gli occhi e la mente, con la memoria connessa e un po’ di nostalgia.


Uscendo, il ritorno al XXI° secolo si palesa appena il piede tocca nuovamente le lastre della pavimentazione dei portici. Per un attimo avevo sperato che il tempo di una Festa, sì proprio con la F maiuscola, tutta la città, non solo lo scrigno di buon gusto fosse tornata al passato, ma niente cavalli, nemmeno l’ombra di un calesse, si torna a piedi, l’automobile sarebbe fuori luogo. E riecheggiano i versi di Guido Gozzano:


"Io sono innamorato di tutte le signore

che mangiano le paste nelle confetterie.

Signore e signorine –

le dita senza guanto –

scelgon la pasta. Quanto

ritornano bambine! …"

Io pure sono tornato bambino e ringrazio tutti coloro che permettono la sopravvivenza di un marchio, uno status symbol foriero di ricordi che rimangono saldo punto di riferimento anche nel presente.



Caffè Baratti & Milano

Piazza Castello, 29 - Torino

Tel: +39. 011. 440.71.38

https://www.barattiemilano.it/ - info@barattiemilano.it

#BarattiMilano #sabaudo #Torino #belleépoque #caramelle #Gozzano

20 visualizzazioni

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001.

  • White Facebook Icon
  • LinkedIn

Alessandro Felis

Partita Iva: 05644840018

 

 

©2016 by l'Uovodicolombo_Torino