• alessandro felis

Il riso torinese

Aggiornamento: 11 nov

Il riso è da sempre uno dei simboli del Piemonte agricolo ma pochi sanno che, alle porte di Torino, in un solo corpo di ben 120 ettari, vi è un’azienda risicola di riferimento. La collina torinese che incombe sull’imponente tenuta crea un microclima favorevole a questa coltivazione che da sempre affascina. Così diverso dagli altri cereali, con l’acqua che assurge a volano termico, il riso ha una sua identità tutta specifica, anche se nella Tenuta Cimena, la semina avviene in asciutta.

Accolto dall’ultima generazione dei Pochettino: Susanna, Giovanni e Beppe, in pochi minuti mi si apre un universo che difficilmente si immagina scorrendo la strada che prosegue da Torino, da corso Moncalieri. Originaria di Vinovo, la famiglia di agricoltori coltiva il riso da 30 anni. Il nonno aveva acquistato i terreni dai Thaon di Revel e la sfida è continuata con le generazioni successive. Carnaroli, ovviamente ma anche Apollo, il basmati nostrano, acquistabili nel punto vendita aziendale insieme ad altre varietà e qualche sfiziosità gastronomica locale. Presto ci saranno anche le torte di nocciole e riso, ça va sans dire, nate dalla collaborazione con Cascina Peracca di Castagneto Po. E dal laboratorio di Vinovo nasce anche il gelato al Fior di Riso ottenuto dal latte di due Frisone.


Giovanni, portavoce della famiglia ricorda che “il ruolo dell’imprenditore agricolo è di fare sinergia con la natura, rispettandola”. E proprio in quest’ottica la tenuta rientra nel progetto Mab Unesco per promuovere su base scientifica un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente attraverso la tutela della biodiversità e lo sviluppo sostenibile. Da qui passa anche un ramo secondario della via francigena, con la pista ciclabile che conduce fino al Parco delle Vallere.


Due maneggi per un totale di una sessantina di cavalli, una zona barbecue e di accoglienza per famiglie e ragazzi completano un’offerta a 360 grandi per presentare un’agricoltura moderna, rispettosa dell’ambiente e dalle molteplici sfaccettature. Il riso rimane al centro dell’attività ma diventa fulcro di sinergie con gli altri attori dell’economia locale, non ultimo il vicino birrificio Parsifal col quale è nata una birra ambrata di riso di ben 7 gradi alcolici!


Tenuta Cimena

Via Chivasso, 67 – San Raffaele Cimena (To)

Tel: +39 349 10 59 230

http://www.risosanraffaele.it/- risosanraffaele@gmail.com




28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti